Home Page
Amministrazione
URP
Amministrazione Trasparente
Statuto
Pubblicazioni
Albo Pretorio
Corrispondenza con Minoranza
Modulistica
Indirizzi utili
Links
Elenco Siti Tematici
La storia
Turismo Strutture ricettive
Nordic Walking e Nordic Trekking Park
Eventi e manifestazioni
Album fotografico
Stradario

Comune di Oggebbio
Piazza Municipio, 1
28824 Oggebbio (VB)
tel. 0323 48123/491005
fax 0323 491921

EMAIL
protocollo@comune.oggebbio.vb.it
EMAIL CERTIFICATA
comune.oggebbio.vb@legalmail.it


P.IVA: 00468020037

Servizio Fatturazione Elettronica
Codice Univoco Ufficio: UF4N6W

sito realizzato da
Atlantidee Srl

Note Legali - Privacy - Cookie

Valid HTML 4.01 Transitional    CSS Valido!

Home -> La storia

 LA STORIA


 Oggebbio: una quindicina di piccoli villaggi distribuiti sulla riva del lago e su dolci colline.

I boschi, le ville signorili, i preziosi giardini, chiese che contengono tesori d’arte e su tutto svetta il più alto campanile dell’Alto Verbano: è quello della parrocchiale di Gonte, alto 42 m.

Oggebbio, è il toponimo collettivo di questi quindici villaggi, i loro nomi sono:

Visualizza il video Barbè, famoso per l’eccellenza dei vini che vi si producevano.
Visualizza il video Resèga, vi era il mulino sul torrente Bugnano che serviva tutti i villaggi rurali della zona.
Visualizza il video Rancone, villaggio con una schietta impronta rurale.
Visualizza il video Cadessino, l’oratorio della Natività di Maria è monumento nazionale.
Visualizza il video Mozzola, vi si coltivava l’ulivo.
Visualizza il video Quarcino, era il centro del commercio del legname.
Visualizza il video Gonte, il capoluogo comunale; vi è la parrocchia di S. Pietro, il municipio, le scuole, l’ufficio postale, e parecchi esercizi pubblici.
Visualizza il video Piazza, le ville ottocentesche fra gli orti e i vigneti.
Visualizza il video Dumera, la frazione più alta.
Visualizza il video Pieggio, con una bella piazza e un lavatoio frazionale.
Visualizza il video Spasolo, è il porto sul lago.
Visualizza il video Cadevecchio, con una bella fontana al centro del paese ed affreschi sulle facciate delle case.
Visualizza il video Camogno, presso l’oratorio di S. Defendente si svolge la “Festa di ratt” (la festa dei topi); la chiesa è stata recentemente ristrutturata grazie ad un gruppo di volontari.
Visualizza il video Novaglio, le fonti e la chiesa romanica di S. Agata.
Visualizza il video Travallino, l’oratorio di S. Antonio.

Sulla montagna c’erano gli alpeggi che vedevano in passato trasferirsi le famiglie per il pascolamento del bestiame, la produzione casearia e la coltivazione delle patate. Oggi sono luoghi di residenza estiva o per i fine settimana.

In passato veniva coltivata la vite, la segale e le biade. Un'altra risorsa del territorio erano i boschi, da Mozzola e Quarcino il legname veniva portato nella stazione di Verbania ed utilizzato come combustibile per i treni a vapore, le ramaglie servivano per iforni a legna dei panettieri di Milano.

Oggi, le ricchezze di Oggebbio sono turismo, arte e fiori. Le particolari condizioni del microclima favoriscono parecchie particolarità di fiori, nel giardino di “Villa Anelli” vengono coltivate all’aperto oltre 200 varietà di camelie. Altre ville erano famose alla fine del secolo scorso: quella del banchiere Synading e del pascià Draneht, dignitario del vicerè d’Egitto. Un angolo d’Oriente sulle rive del Lago Maggiore. La “villa del Pascià”, oggi trasformata in residence, occupava quaranta persone tra camerieri, giardinieri e stallieri; una tradizione locale racconta che Giuseppe Verdi, ospite della villa, vi trasse ispirazione per la composizione dell’Aida. Più recente la casa del pittore Xanti Schawinsky, artista del Bauhaus che espresse nelle sue tele le profonde luminosità del lago.

Ad Oggebbio sono presenti parecchie chiese, quasi tutte le frazioni ne hanno una.
Ne segnaliamo tre da visitare:

Cadessino

Visualizza il videoPrezioso è l’oratorio della natività di Maria. A navata unica conclusa da un coro poligonale, l’oratorio esiste da XV secolo. Il campanile romanico, ingentilito da eleganti bifore con archetti pensili, risale al XI / XII secolo. All’interno l’altare maggiore (XVIII secolo) è uno splendore di marmi policromi; in una nicchia una bella statua lignea della Madonna Immacolata. La ricchezza dell’oratorio è tuttavia il grande ciclo di affreschi quattrocenteschi.

Sulla parte sinistra della navata, un’Ultima Cena; sotto sette riquadri illustrano le Opere di Misericordia: “Dar da mangiare agli affamati”, “Dar da bere agli assetati”, “Ospitare i Pellegrini”, “Vestire gli ignudi”, “Visitare i carcerati”(è stata coperta da una lesena), “Visitare gli infermi”, “Seppellire i morti”. Sulla parete opposta una Madonna della Misericordia e una Madonna incoronata con Santo guerriero. L’attribuzione degli splendidi affreschi va ad un prete di Valsesia.

 

Novaglio

Sulla collina che guada il lago c’è l’oratorio di S. Agata, ristrutturato negli anni 60 e 70 grazie alla volontà del parroco don Giuseppe Soldani. Conserva l’impianto romanico con aggiunta di elementi gotici e rinascimentali. Una legenda racconta che questa Ecclesia campestris antiqua (1590) sia una delle cento chiese edificate ne IV secolo dai santi Giulio e Giuliano che diffusero il Cristianesimo nelle terre del Novarese e del Verbano. Il primo nucleo pre-romanicovenne incorporato nel XIV secolo in un ampliamento che realizzò la facciata a monte; tale facciata venne abbattuta tra il XVII e il XVIII secolo per aggiungere l’abside ottagonale che capovolse l’orientamento dell’oratorio.

 

Gonte

 La chiesa di Ogiabio (così nei documenti medioevali) è antica: già menzionata nel XII secolo, era una cappella della chiesa pievana di S. Vittore di Intra, da cui si staccò nel 1606.

Divisa in tre navate, con il soffitto ricoperto da affreschi che narrano la vita di Gesù, conserva un prezioso crocifisso, opera dello scultore milanese Pietro Frasa nel 1712.

Una leggenda racconta che sia stato trasportato clandestinamente da tre operai oggebbiesi in una botte di vino.

 

Oggebbio vanta anche personaggi illustri:

 Gioacchino Bellezza, di Novaglio, prima medaglia d’oro d’Italia, che salvò la vita a Carlo Alberto nella prima guerra d’indipendenza; Francesco Serafino Canetta (visualizza documento 1,documento 2), Garibaldino nel 1860 partecipò alla Spedizione dei Mille; Giovanni Polli, medico, grande benefattore per il Comune di Oggebbio. Nel 1876 effettuò la prima cremazione umana in Europa al cimitero monumentale di Milano. Nella “Villa della Solitudine” sul lungolago di Oggebbio, realizzò i primi esperimenti crematori.

Gli ideali risorgimentali furono anche di solidarietà sociale: nel 1885 fu fondata la locale Società Operaia di Mutuo Soccorso, ad oltre un secolo di distanza ancora viva ed operante.

 

L’antico porto di Spazzolè (Spasolo), nel XIV secolo dotato di un ospizio  per i viaggiatori, fu per secoli sede di intensi traffici lacustri. Nel XIX secolo, partivano le barche dei pescatori locali che praticavano il contrabbando con il Locarnesee di questa attività rimane memoria di lunghi processi nelle carte d’archivio. A cavallo del secolo il porto di Spasolo, oggi adeguatamente ristrutturato, era luogo di incontro delle genti di Oggebbio in quanto il battello permetteva il transito di uomini e merci a Verbania e quindi, in ferrovia, a Milano. Il battello come cordone ombelicale con il mondo. In estate, ricordano gli anziani, il porto era animato dal vociare dei ragazzi che attendevano i villeggianti per trasportare i bagagli in cambio di qualche centesima.

Da oltre un quarto di secolo è presente a Piancavallo l’istituto Auxologico Italiano, una fondazione per la ricerca e la cura in campo biomedico di rilevanza internazionale. L’attività di ricerca scientifica e di cura, indirizzata inizialmente alle anomalie della crescita e primariamente dei nanismi ipofisari, si è successivamente allargata ad altre tematiche specifichequali le auxoendocrinopatie, le malattie endocrine e quelle metaboliche.